Category: Cablaggio

Ago 28

Cablaggio RJ45

Per collegare due o più host in rete è necessario utilizzare un cavo (patch) alle cui estremità è applicato un connettore RJ45 (Registered Jack 45) e composto da 4 coppie di cavetti per un totale di 8 poli.

In generale esistono due tipologie di patch , quello diretto e quello incrociato (crossed). Il primo viene utilizzato per connettere degli host ad un HUB/Switch mentre il secondo (incrociato) viene utilizzato per mettere direttamente in connessione tra loro 2 host.

 

Cavo Diretto

Esistono due possibilità per realizzare la sequenza di collegamento degli 8 pin di un cavo diretto , entrambe pin-to-pin (ossia il pin 8 di un connettore RJ45 è collegato al pin 8 dell’altro connettore) ed entrambe valide. Esse sono la EIA/TIA-568A e EIA/TIA-568B , la B è quella più recente.

 

300px-RJ-45_TIA-568A_Left300px-RJ-45_TIA-568A_Right300px-RJ-45_TIA-568B_Left 300px-RJ-45_TIA-568B_Right

 

Cavo Incrociato (crossed)

300px-RJ-45_TIA-568A_Right 300px-RJ-45_TIA-568B_Left

 

 

Tipologia di cavo

Il cavo utilizzato per la creazione di una patch di rete è in genere di due tipi :

  • UTP (Unshielded Twisted Pair) ossia un cavo non schermato quindi non protetto da interferenze elettromagnetiche ed in genere utilizzato per una lunghezza non superiore a 100mt.
  • STP (Shielded Twisted Pair) ossia un cavo con schermatura in calza metallica che aumenta la protezione da fonti elettromagnetiche.

Le due tipologie di cavo vengono poi suddivise in Categorie :

  • Cat 5 max 100Mbits/s (Ethernet 10BaseT e Ethernet 100BaseT) che supportano una frequenza di banda di 100Mhz
  • Cat 6 max 1000Mbits/s o 1 Gbits/s (Ethernet 10BaseT , Ethernet 100BaseT e Ethernet 1000BaseT) che supportano una frequenza di banda di 200Mhz (cat 6a 500Mhz)

I segnali viaggiano sul cavo incontrando diversi ostacoli , la resistenza offerta dal rame (100 Ohm per un cavo Cat 5) e la lunghezza del cavo stesso possono generare un’attenuazione del segnale misurata in Decibel negativi.

 

Questo fenomeno , unito alla possibilità di interferenze esterne (ad esempio la vicinanza ad una fonte elettromagnetica) possono generare segnali di Crosstalk , ossia la propagazione di segnale su coppie di cavi adiacenti.

Con l’aiuto di un tester professionale si può verificare che i segnali crosstalk siano nella norma. Per fa ciò si verificano:

  • NEXT (Near End Crosstalk) = Un segnale test V – il segnale di crosstalk V di ogni altra coppia di cavi. La risultante è espressa in dB negativi, valori più alti corrispondono ad una migliore efficienza del cavo. NEXT si misura nelle vicinanze del trasmettitore.
  • FEXT(Far End Crosstalk) Il livello di crosstalk è minore di NEXT poichè lo si testa lontano dal trasmettitore. FEXT è in genere meno problematico di NEXT.
  • PSNEXT Misura l’effetto cumulativo di NEXT su tutte le coppie di cavi.

 

Network_cable_tester_IMGP1639_smial_wp

 

Fonte immagini : Wikipedia